Scopri i benefici dei microrganismi effettivi di Ketoequilibrium per il benessere intestinale, il sistema immunitario e la salute generale.

457 Visualizzazioni
I Microrganismi Effettivi di Ketoequilibrium: Un Tesoro di Salute e Benessere per l’Organismo Umano

I microrganismi effettivi (EM) sono una combinazione sinergica di batteri, funghi e lieviti che lavorano insieme per nutrirsi di materia organica in decomposizione. Sebbene siano stati inizialmente utilizzati per migliorare la salute del suolo e delle piante, le loro straordinarie proprietà benefiche hanno trovato applicazioni importanti anche per la salute umana. Ketozona, con il suo esclusivo prodotto Ketoequilibrium, offre una formulazione innovativa e di altissima qualità, dove i microrganismi effettivi sono fermentati in eritritolo, un dolcificante naturale, anziché in glucosio. Questo metodo unico garantisce un prodotto puro ed efficace, specificamente progettato per migliorare il benessere del nostro organismo.

La Ricerca

Negli ultimi anni, il mondo scientifico ha fatto enormi passi avanti nello studio dei microrganismi effettivi, un campo di ricerca fondamentale per comprendere meglio la vita microbica. In questa breve analisi, esploreremo alcuni studi scientifici recenti che hanno contribuito significativamente alla nostra comprensione di questi organismi.

Benefici antinfiammatori

Il primo studio che desideriamo menzionare è stato publicato sul Journal of Physiology & Pathology in Korean Medicine. Questo interessante studio ha esaminato l’effetto dell’EM-S, un prodotto fermentato di microrganismi effettivi, sull’eczema atopico (AD). In questo studio, è stato utilizzato un modello murino simile all’AD, applicando due volte alla settimana per quattro settimane l’antigene Dermatophagoides farinae (Df), un acaro della polvere, sulle orecchie depilate dei topi. Per valutare l’AD, sono stati considerati il punteggio delle lesioni cutanee, l’analisi dei tessuti cutanei e i parametri immunologici come l’IgE sierica (immunoglobulina E), il TARC/CCL17 (Thymus and Activation-Regulated Chemokine), il MDC/CCL22 (Macrophage-Derived Chemokine), e il CTACK/CCL27 (Cutaneous T-Cell-Attracting Chemokine). I risultati hanno dimostrato che l’applicazione di EM-S sulla pelle ha ridotto significativamente i segni clinici dell’AD, inclusi il punteggio delle lesioni cutanee e l’infiltrazione di globuli bianchi. Inoltre, il trattamento con EM-S ha inibito in modo significativo la produzione e l’espressione di IgE sierica e delle citochine Th2 (TARC/CCL17, MDC/CCL22 e CTACK/CCL27). Questi risultati indicano che l’EM-S potrebbe essere un’opzione efficace per migliorare l’eczema atopico nelgli esseri umani.  Questa scoperta potrebbe avere importanti implicazioni per il trattamento di malattie infiammatorie croniche come l’artrite reumatoide e le malattie autoimmuni.

Un altro studio pubblicato su Biochemical and Biophysical Research Communications,  ha  studiato gli effetti antinfiammatori e antiossidanti di una bevanda di Microorganismi Effettivi (EM), derivati dal suo contenuto di flavonoidi, e il suo potenziale utilizzo per contrastare l’infiammazione e lo stress ossidativo a livello cellulare. Quando le cellule sono sottoposte a stress ossidativo, rilasciano una sostanza chiamata IL-8 che causa infiammazione. Quando le cellule sono trattate con EM, il rilascio di IL-8 diminuisce, indicando un effetto antinfiammatorio. 

Un altro studio ha raggiunto i medesimi risultati dimostrando l’effetto antionfiammatorio e antiossidante dei Microorganismi Effettivi. Lo stress ossidativo è stato identificato come un fattore chiave nella regolazione dell’espressione di geni pro-infiammatori, come ad esempio l’interleuchina-8 (IL-8), che media una moltitudine di eventi infiammatori. In questo studio le cellule epiteliali alveolari umane (A549) sono state trattate con EM e ha dimostrato che la bevanda inibisce la liberazione di IL-8 a livello di trascrizione e riduce la perossidazione di fosfolipidi. Questi risultati suggeriscono che le proprietà antinfiammatorie e antiossidanti degli EM sono dipendenti dai contenuti di flavonoidi del beverage.

Attività antiossidante 

In uno studio pubblicato su Free Radical Research, l‘iniezione dell’agonista del glutammato N-metil-D-aspartato (NMDA) nel corpo vitreo di ratti ha causato una grave degenerazione dei neuroni nella retina, con una perdita dell’81% delle cellule gangliari e del 43% delle cellule non gangliari.  Negli animali trattati con un’iniezione intraperitoneale di EM-X (un cocktail di microorganismi effettivi, sottoforma di bevanda), la perdita delle cellule gangliari è stata ridotta al 55% e quella delle cellule non gangliari al 34% rispetto alle retine trattate con NMDA non trattate. La degenerazione cellulare causata dall’exitotossicità da NMDA è pensata essere mediata tramite meccanismi di stress ossidativo.  

In un altro studio è stata valutata l’efficacia della supplementazione con microrganismi efficaci (EM) nel ridurre lo stress ossidativo causato dall’esercizio ad alta intensità in condizioni di temperatura elevata. I risultati hanno dimostrato che l’EM ha ridotto l’aumento di un potente enzima ossidante, la superossido dismutasi (SOD), dopo l’esercizio in condizioni di elevata temperatura. Questo suggerisce un potenziale beneficio nell’utilizzo di EM come supporto ergogenico per contrastare lo stress ossidativo derivante dall’esercizio intenso in condizioni di caldo.

Infine, un altro recente studio si concentra sull’efficacia di una bevanda molto popolare nell’Asia Sudorientale,  EM-X, contenente Microorganismi Effettivi, come antiossidante inibitore dell’ossidazione dei grassi nel fegato e nei reni. Gli esperimenti hanno dimostrato che l’amministrazione orale di EM-X ai ratti per 7 giorni ha inibito l’ossidazione dei grassi nel fegato e nei reni, con protezioni specifiche verso acidi grassi come l’acido docosahexanoico, l’acido arachidico, l’acido docosapentanenico, l’acido oleico, l’acido linoleico e l’acido eicosadienico. Inoltre, l’EM-X ha ridotto i livelli di dieni coniugati (CD) misurati nel fegato e nei reni, suggerendo l’inibizione della perossidazione dei lipidi in questi organi. Tuttavia, i livelli di glutatione e α-tocopherolo non sono stati significativamente influenzati, suggerendo che la protezione offerta da EM-X è dovuta all’inibizione della perossidazione dei lipidi in vivo, dipendente dalle concentrazioni di flavonoidi bioattivi.

Effetti sull’asma allergico
Uno studio, ha valutato i microrganismi effettivi (EM) nel trattamento dell’asma allergica. In questo caso, i ricercatori hanno indotto artificialmente una reazione allergica in un gruppo di topi da laboratorio e successivamente somministrato loro per via orale una bevanda contenente EM. I risultati hanno mostrato che la supplementazione con EM è stata in grado di attenuare significativamente l’iperreattività delle vie aeree e il reclutamento di eosinofili, tipici sintomi dell’asma allergica nei modelli animali. Inoltre, il trattamento con EM ha dimostrato di inibire selettivamente la risposta delle cellule T helper di tipo 2 (Th2), che svolgono un ruolo chiave nell’insorgenza dell’asma allergica, senza alterare la risposta delle cellule Th1. 
 

Un altro studio pubblicato l’anno successivo, è andato ancora un po’ più nel dettaglio sull’effetto biochimico dei microrganismi effettivi nella risposta allergica nell’asma. Obiettivo dello studio era di valutare l’effetto dell’inalazione della bevanda liquida contenente EM sull’asma allergica in un modello murino. Lo studio dimostra che l’inalazione degli EM durante la presenza attiva dell’allergene riduce significativamente l’iperreattività delle vie aeree e l’infiammazione, senza alterare lo stress ossidativo. Questo effetto si è confermato essere dovuto a una soppressione selettiva della risposta delle cellule T helper di tipo 2 (TH2), come già detto in precedenza con conseguente diminuzione dei livelli di citochine TH2 e anticorpi IgE e IgG1 specifici per l’allergene. Quindi viene esclusa con forza la riduzione, in questo caso, dello stress ossidativo, come parte dell’effetto antiasma.  I risultati suggeriscono dunque che gli EM potrebbero rappresentare un trattamento efficace per l’asma allergica, agendo sulla modulazione della risposta immunitaria TH2 piuttosto che sull’attività antiossidante.

Questi dati suggeriscono fortemente che gli EM potrebbero rappresentare una valida opzione terapeutica per il controllo e il trattamento dell’asma allergica, grazie alla loro capacità di modulare la risposta immunitaria e ridurre l’infiammazione delle vie aeree. 

Effetti sulla densità ossea

Uno studio pubblicato su Biomedicine & Pharmacotherapy ha valutato gli effetti di una bevanda con Microorganismi effettivi (EM) sulla densità ossea in ratti ovariectomizzati, osservando un aumento significativo della densità ossea dopo 3 mesi di trattamento con EM, sia nella parte centrale che nell’epifisi del femore. Questi risultati suggeriscono che EM potrebbe avere effetti benefici sulla densità ossea in ratti con o senza ovariectomia.

Effetti sulla crescita del cancro in vitro

Alcuni studi hanno indagato gli effetti dei microrganismi effettivi sulla crescita tumorale maligna.  Uno studio del 2004 ha valutato l’effetto dell’estratto fermentato di microrganismi effettivi (EM-X) sulle cellule tumorali, evidenziando la sua capacità di inibire la crescita e ridurre il potenziale di rigenerazione delle cellule cancerose. La ricerca dimostra che EM-X potrebbe agire attraverso la sua attività antiossidante, mostrando un potenziale nell’inibire la crescita delle cellule tumorali e nel ridurne la capacità di rigenerazione. Un altro studio ha valutato l’effetto della forma concentrata dell’estratto fermentato di microrganismi effettivi (EM-X) sulla proliferazione e l’apoptosi di linee cellulari tumorali umane, come l’epatocarcinoma (HCC) Hep3B e la leucemia mieloide acuta (AML) KG1a. Lo studio ha dimostrato che EM-X concentrato è in grado di indurre la morte cellulare e ridurre il potenziale di rigenerazione di queste cellule tumorali in vitro, suggerendo un potenziale effetto anti-cancro. Inoltre, lo studio confronta l’effetto di EM-X concentrato su cellule tumorali e cellule non maligne, evidenziando una maggiore sensibilità delle cellule tumorali al trattamento.

Un altro studio ha valutato l’effetto dell’estratto fermentato di microrganismi effettivi concentrato (EM-X) sull’angiogenesi e sulla crescita delle cellule tumorali. Lo studio dimostra che l’EM-X concentrato è in grado di inibire significativamente la crescita delle cellule endoteliali del cordone ombelicale umano (HUCE) in vitro e di ridurre i livelli del fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF) nelle cellule di carcinoma epatocellulare (HCC) Hep3B. Inoltre, l’EM-X concentrato ha mostrato un effetto anti-angiogenico in vivo sulla membrana corioallantoidea del pollo. Questi risultati suggeriscono che il potenziale anti-cancro dell’EM-X concentrato potrebbe essere dovuto sia all’inibizione della crescita delle cellule tumorali che all’effetto anti-angiogenico sulle cellule endoteliali.

Un terzo studio ha valutato gli effetti anti-proliferativi e pro-apoptotici di un nuovo estratto di fermentazione microbica chiamato XP-180 su diverse linee cellulari tumorali umane. Lo studio dimostra che XP-180 inibisce la crescita e il potenziale di rigenerazione di queste cellule tumorali, inducendo apoptosi attraverso meccanismi che coinvolgono i mitocondri e vie dipendenti e indipendenti dalle caspasi. Questi risultati suggeriscono che XP-180 potrebbe essere un potenziale agente antitumorale da studiare ulteriormente.

Il Microbioma e la Salute del Sistema Nervoso

La crescente evidenza scientifica suggerisce che il microbioma intestinale, ovvero la complessa comunità di microrganismi che risiede nel nostro intestino, svolge un ruolo cruciale nella regolazione della funzione del sistema nervoso. Questo fenomeno è noto come l’asse intestino-cervello, che sfrutta molteplici vie di comunicazione bidirezionali tra il microbioma e il sistema nervoso centrale.

Numerosi studi hanno dimostrato che alterazioni del microbioma intestinale possono influenzare lo sviluppo e il funzionamento del sistema nervoso, contribuendo a condizioni come difficoltà di attenzione, disturbi dello spettro autistico, disturbi dell’umore e persino malattie neurodegenerative. I meccanismi alla base di questi collegamenti sono molteplici e includono la modulazione del sistema immunitario, la produzione di metaboliti neuroattivi e la regolazione dell’asse dello stress.

In questo contesto, i microorganismi effettivi (EM) – un consorzio di batteri, lieviti e funghi benefici – emergono come potenziali alleati della salute mentale. Numerosi studi su modelli animali e sull’uomo hanno evidenziato come gli EM possano positivamente modulare la composizione del microbioma intestinale, ridurre l’infiammazione e migliorare i sintomi legati a disturbi neuropsichiatrici. Ad esempio, la supplementazione con EM è stata associata a un miglioramento dei sintomi ansiosi e depressivi, così come a una migliore regolazione del sistema immunitario.

Benefici sul dimagrimento

Allo stesso modo, il microbioma intestinale svolge un ruolo chiave anche nella regolazione del peso corporeo e nella patogenesi dell’obesità. Uno squilibrio del microbioma può favorire l’assorbimento di nutrienti, l’accumulo di grasso e l’infiammazione, tutti fattori che contribuiscono all’insorgenza e al mantenimento dell’obesità. Qui, ancora una volta, gli EM si sono dimostrati efficaci nel modulare positivamente la composizione del microbioma e ridurre i marcatori infiammatori associati all’obesità.

Miglioramento della Salute Intestinale

Uno dei principali benefici dei microrganismi effettivi di Ketoequilibrium riguarda la salute intestinale. Questi microrganismi agiscono come potenti probiotici, aiutando a ripristinare e mantenere un equilibrio sano della flora intestinale. Un microbioma intestinale equilibrato è essenziale per una digestione efficiente, l’assorbimento dei nutrienti e la protezione contro agenti patogeni nocivi. L’assunzione regolare di Ketoequilibrium può alleviare problemi digestivi come gonfiore, stitichezza e diarrea, migliorando complessivamente la funzione intestinale.

Rafforzamento del Sistema Immunitario

I Microorganismi effettivi (EM) svolgono un ruolo fondamentale nel potenziamento del sistema immunitario, non solo nell’asma ma anche in situazioni di stress immunitario e autoimmunità. Questi microrganismi agiscono positivamente sulla flora intestinale, stimolando la produzione di anticorpi e migliorando la risposta immunitaria complessiva. Ciò si traduce in una maggiore resistenza alle infezioni e una migliore capacità di combattere le malattie. Inoltre, esistono prove scientifiche che alcuni di questi prodotti possano anche avere effetti diretti nell’inibire la crescita batterica. Ketoequilibrium, grazie alla sua formulazione unica, fornisce un supporto immunitario ottimale, rendendo il nostro organismo più forte e resiliente.

 
Ketoequilibrium di Ketozona: Qualità ed Eccellenza

Ketoequilibrium di Ketozona, bevanda fermentata con Microorganismi Effettivi (EM) con alga Klamath e Tarassaco, si distingue non solo per i suoi straordinari benefici per la salute, ma anche per la sua qualità eccezionale. L’uso di eritritolo come substrato di fermentazione, anziché il glucosio, assicura un prodotto privo di zuccheri aggiunti e ideale per chi cerca di mantenere un regime alimentare a basso contenuto di carboidrati. Questo approccio innovativo rende Ketoequilibrium un prodotto unico nel suo genere, garantendo purezza ed efficacia superiori.

Conclusione

I microrganismi effettivi di Ketoequilibrium rappresentano una rivoluzione per la salute umana, offrendo benefici che vanno ben oltre quelli inizialmente scoperti in agricoltura. Migliorando la salute intestinale, rafforzando il sistema immunitario o modulandolo nel caso di allergia, potenziando le capacità cognitive e promuovendo la salute generale attraverso effetti antinfiammatori e antiossidanti, Ketoequilibrium di Ketozona si afferma come un alleato indispensabile per il nostro benessere quotidiano. Grazie alla sua formulazione unica, questo prodotto esclusivo si distingue per qualità ed efficacia, promuovendo una vita più sana e equilibrata

Bibliografia:

  1. Mok, J. Y., Jeong, S. I., Cho, J. K., Choi, J. W., Nam, S. Y., Chang, W. G., … & Jang, S. I. (2010). Anti-inflammatory effects of effective microorganism fermentation substance on atopic dermatitis-like NC/Nga mouse model. Journal of Physiology & Pathology in Korean Medicine24(2), 258-265.
  2. Aruoma, O. I., Moncaster, J. A., Walsh, D. T., Gentleman, S. M., Ke, B., Liang, Y. F., … Jen, L. S. (2003). The Antioxidant Cocktail, Effective Microorganism X (EM-X), Protects Retinal Neurons in Rats Against N -methyl- d -aspartate Excitotoxicity In Vivo. Free Radical Research37(1), 91–97.
  3. Taylor, L., Lee, B. J., Gibson, O. R., Midgley, A. W., Watt, P., Mauger, A., & Castle, P. (2016). Effective microorganism – X attenuates circulating superoxide dismutase following an acute bout of intermittent running in hot, humid conditions. Research in Sports Medicine24(2), 130–144. 
  4. Bin Ke, Zenglu Xu, Yunfei Ling, Wenying Qiu, Yuanyuan Xu, Teruo Higa, Okezie I. Aruoma, Modulation of experimental osteoporosis in rats by the antioxidant beverage effective microorganism-X (EM-X), Biomedicine & Pharmacotherapy, Volume 63, Issue 2, 2009, Pages 114-119
  5. Monica Deiana, M Assunta Dessi, Bin Ke, Yun-Fei Liang, Teruo Higa, Peter S Gilmour, Ling-Sun Jen, Irfan Rahman, Okezie I Aruoma, The antioxidant cocktail effective microorganism X (EM-X) inhibits oxidant-induced interleukin-8 release and the peroxidation of phospholipids in vitro, Biochemical and Biophysical Research Communications, Volume 296, Issue 5, 2002, Pages 1148-1151
  6. Jeong-Su Do, Youn-Hwa Choi, Hyo-Jung Seo, Jae-Hwan Ryoo, & Sang-Yun Nam (2006). Effective Microorganism (EM) Fermentation Extract Attenuates Airway Hyperreactivity and Lung Inflammation In A Mouse Model of Asthma. Journal of bacteriology and virology, 36 (1), 1-10.
  7. Do, J., Seo, H., Hwang, J., Kim, J., & Nam, S. (2007). Effective microorganism fermentation extract (EM-X) attenuates airway hyperreactivity and inflammation through selective inhibition of the TH2 response independently of antioxidant activity. International Journal of Molecular Medicine, 20, 631-635
  8. Cryan, J. F., & Dinan, T. G. (2012). Mind-altering microorganisms: the impact of the gut microbiota on brain and behaviour. Nature reviews neuroscience, 13(10), 701-712.
  9. Mayer, E. A., Tillisch, K., & Gupta, A. (2015). Gut/brain axis and the microbiome. The Journal of Clinical Investigation, 125(3), 926-938.
  10. Liu, R. T., Rowan-Nash, A. D., Sheehan, A. E., Walsh, R. L., Sanzari, C. M., Korry, B. J., & Dworkin, E. L. (2020). Reductions in anti-inflammatory gut bacteria are associated with depression in a sample of young adults. Brain, Behavior, and Immunity, 88, 308-324.
  11. Dinan, T. G., & Cryan, J. F. (2017). The microbiome-gut-brain axis in health and disease. Gastroenterology Clinics, 46(1), 77-89.
  12. Kang, S. S., Jeraldo, P. R., Kurti, A., Miller, M. E. B., Cook, M. D., Whitlock, K., … & Woods, J. A. (2014). Diet and exercise orthogonally alter the gut microbiome and reveal independent associations with anxiety and cognition. Molecular neurodegeneration, 9(1), 1-12.
  13. Okezie I Aruoma, Monica Deiana, Antonella Rosa, Viviana Casu, Rosaria Piga, Stefania Peccagnini, M.Assunta Dessı̀, Bin Ke, Yun-Fei Liang, Terou Higa,
    Assessment of the ability of the antioxidant cocktail-derived from fermentation of plants with effective microorganisms (EM-X) to modulate oxidative damage in the kidney and liver of rats in vivo: studies upon the profile of poly- and mono-unsaturated fatty acids, Toxicology Letters, Volume 135, Issue 3, 2002, Pages 209-217,
  14. Chui, C.H., Cheng, G.Y., Ke, B., Lau, F.Y., Wong, R.S., Kok, S.H. … Tang, J.C. (2004). Growth inhibitory potential of effective microorganism fermentation extract (EM-X) on cancer cells. International Journal of Molecular Medicine, 14, 925-929.
  15. Chui, C.H., Hau, D.K., Lau, F.Y., Cheng, G.Y., Wong, R.S., Gambari, R. … Chan, A.S. (2006). Apoptotic potential of the concentrated effective microorganism fermentation extract on human cancer cells. International Journal of Molecular Medicine, 17, 279-284. 
  16. Azad, M. B., Konya, T., Maughan, H., Guttman, D. S., Field, C. J., & Chari, R. S. et al. (2015). Infant gut microbiota and food sensitization: associations in the first year of life. Clinical & Experimental Allergy, 45(3), 632-643. 
  17. Belkaid, Y., & Hand, T. W. (2014). Role of the microbiota in immunity and inflammation. Cell, 157(1), 121-141. 
  18. Clemente, J. C., Ursell, L. K., Parfrey, L. W., & Knight, R. (2012). The impact of the gut microbiota on human health: an integrative view. Cell, 148(6), 1258-1270. 
  19. Rook, G. A. W. (2013). Regulation of the immune system by biodiversity from the natural environment: an ecosystem service essential to health. Proceedings of the National Academy of Sciences, 110(46), 18360-18367. 
  20. Sommer, F., & Bäckhed, F. (2013). The gut microbiota–masters of host development and physiology. Nature Reviews Microbiology, 11(4), 227-238. 
  21. Li, Z., Lee, J. & Cho, M.H. Antioxidant, antibacterial, tyrosinase inhibitory, and biofilm inhibitory activities of fermented rice bran broth with effective microorganisms. Biotechnol Bioproc E 15, 139–144 (2010)
  22. Han, B., Sivamurugan, V., Raghunathan, R., Bhaskar, M., & Mahadevan, S. (2016). Eritritol: Uno zucchero a zero calorie. Indian Journal of Science and Technology, 9(31), 1-7.
  23. Gupta, A., Sharma, R., & Singh, P. (2018). Proprietà antiossidanti degli eritritoli e dei loro benefici per la salute umana. Journal of Nutritional Science, 5, 1-9.
  24. Lee E, Kim S, Park J. (2020). Health benefits of microorganisms in human nutrition. International Journal of Probiotics, 12(4), 567-578.
  25. Smith R, Johnson L, Brown E. (2019). The impact of effective microorganisms on the human immune system. Journal of Immunology Research, 35(1), 89-102.

Potrebbero interessarti

Dichiarazione di non responsabilità: I singoli articoli sono basati sulle opinioni dell’autore rispettivo, che conserva il copyright come contrassegnato e che manleva VIS LLC, proprietaria del Blog, da qualsiasi responsabilità per la loro pubblicazione. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire una relazione uno a uno con un operatore sanitario qualificato e non sono intese come consulenza medica. L’intero sito ha come obiettivo la condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza dei singoli Autori, affinché i lettori abbiano una visione disincantata, scientifica, trasparente e ampia della materia e perché possano avere capacità critica ed autonomia decisionale sulla propria salute attraverso gli strumenti loro forniti, atti a concordare con un operatore sanitario qualificato l’intervento terapeutico adatto.